Testo di prova

Specialità di terra

elleniko-terra

Specialità di mare

elleniko-mare

La cucina greca è plurisecolare e primeggia nell’arte culinaria sia in tradizione sia in qualità.
Ha più di 25 secoli d’esistenza. Quando in Europa si ignoravano i rudimenti della cucina, tranne la carne arrostita, in Grecia si sapevano già mescolare diversi ingredienti e spezie, così da rendere le vivande saporite e gradevoli al palato. Il fatto è stato riconosciuto dagli archeologi e dagli storici greci e stranieri. Dai tempi di Alessandro Magno in poi, la cucina greca divenne un’arte vera e mpropria. È in Grecia che sono apparsi i primi cuochi di mestiere generosamente retribuiti dai ricchi presso cui prestavano i loro servizi. Col passare del tempo il mestiere guadagnava in reputazione ed era considerato con la massima stima. Numerosi professionisti in materia si fecero in quei tempi una brillante fama e gli antichi greci li stimavano quanto i saggi. Tra i Greci ed i Romani vi era un contrasto palese. Quando questi ultimi presero
contatto con i Greci il loro modo di vivere cambiò totalmente non appena poterono apprezzare i costumi ellenici. Inviarono in Italia dei cuochi greci e così i patrizi romani introdussero nelle loro case la cucina originale greca. I ricchi patrizi facevano a gara soprattutto per riuscire ad ottenere i servizi dei cuochi delle città greche della Sicilia e delle colonie greche. In realtà tutto ciò prova che la cucina greca non solo non è stata infl uenzata dalle cucine dei popoli vicini, ma addirittura è vero il contrario.
UNA CURIOSITÀ: il cappello dei cuochi. Il cappello che oggi caratterizza gli chef di tutto il mondo nasce proprio in Grecia. Infatti, nel medioevo i cuochi che lavoravano nelle cucine dei monasteri greci erano soliti indossare alti cappelli bianchi per distinguersi dai monaci che indossavano cappelli alti ma neri.